Calcio. Blatter: Risollevo la Fifa, poi me ne vado

“Un giorno nella vita devi dire basta. Rimetto in piedi la Fifa, poi nel 2015 la lascio nelle mani di un altro”: così il presidente Fifa, Joseph Blatter, in una intervista in  cui fissa i suoi obiettivi, primo quello di portare la tecnologia nel mondo del calcio già ai Mondiali 2014. “Stiamo sperimentando la tecnologia sul gol fantasma – spiega – l’International Board decide a marzo. Importante che il sistema sia immediato, affidabile e non complicato. La Fifa non può accettare che si ripeta quanto successo in Sudafrica: un pallone dentro 70 cm visto fuori. Platini propendeva per gli arbitri di porta, io no. Idea brillante ma costosa. Sono arbitri, non guardalinee: quante federazioni possono permettersi le cinquine? La tecnologia è meno cara”. Blatter affronta poi il tema dei campionati che dovrebbero avere meno squadre: “Lo dico da 15 anni – dice riferendosi alla dichiarazione del presidente del Barcellona secondo il quale ‘i campionati a 20 squadre non vanno bene’ – “avevo presentato un progetto che avrebbe equilibrato campionati e coppe, club e nazionali, sarebbe la soluzione dato che questo calendario è insostenibile”. Sulla prossima assegnazione del Pallone d’oro, Blatter dice: “Messi e Cristiano Ronaldo sono i migliori, lo ha deciso la maggioranza. Certo, tutto in Spagna. Dove c’è anche Xavi, simbolo di un movimento straordinario che dalle giovanili è arrivato a conquistare Europa e mondo”. E sui prossimi Europei vede favorita la Spagna: “Ha un gioco tecnico, rapido, attrattivo. Ed è bello che il calcio sia espressione della cultura del paese. Ogni nazionale dovrebbe giocare come vive la sua gente”. Sui più grandi fuoriclasse della storia, Blatter non ha dubbi: “Pelè, Beckenbauer, Cruijff, Platini, Zidane, e colui che ha reso grande il Mondiale juniores nel 1979 nonchè Maradona”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com