Cagliari: risponde ad inserzione di lavoro e viene violentata, arrestato aggressore

La speranza, o forse l’illusione di aver trovato il lavoro desiderato da tempo. A 30 anni realizzarsi professionalmente dovrebbe essere un diritto e non un miraggio. Ma nell’Italia della crisi che annienta l’occupazione, rispondere ad un’inserzione di lavoro è un passo quasi obbligato per trovare un impiego. Per una  ragazza di Cagliari si è trattato invece di qualcosa di più di una sventura. La trentenne ha risposto ad una inserzione per un’offerta di lavoro, ma è stata violentata in un parco della città sarda. La ragazza ha chiamato la polizia spiegando di essere stata vittima di una violenza sessuale all’interno parco di Monte Claro, fornendo il numero di due utenze telefoniche riconducibili all’autore della violenza, che le aveva anche rubato il telefonino e 10 euro. Sono subito intervenuti i poliziotti di una volante che hanno accompagnato la donna al Pronto Soccorso dell’ospedale Santissima Trinità, per essere sottoposta a accertamenti. Sul posto però è intervenuto un altro equipaggio della della Squadra Mobile che sentito la ragazza e si è posto alla ricerca dell’intestatario delle due utenze telefoniche riferite dalla vittima, che risultavano intestate a P. D., 39enne, invalido, disoccupato, con precedenti penali specifici per violenza sessuale, ed all’individuazione fotografica dell’autore della violenza. P.D. era stato contattato dalla donna, poiché aveva inserito un’offerta di lavoro sul settimanale ‘Il Bratoo’, come ragazza alla pari. Dopo averle fissato un incontro nel parco, l’uomo ha tentato un approccio che, al rifiuto della ragazza, è sfociato in violenza.

I poliziotti della mobile hanno quindi iniziato le ricerche dell’uomo, che è stato trovato in casa sua alle 2 di notte, e arrestato in flagranza di reato con l’accusa di violenza sessuale, rapina e lesioni. Sono stati sequestrati anche il cellulare della vittima e gli abiti indossati dal violentatore, al momento dell’aggressione. P.P. è stato portato nel carcere di Buoncammino a disposizione del magistrato di turno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com