Cadavere in cava: ‘Era in pigiama’

MILANO. Si chiamava Gabriella Fabbiano la donna uccisa e avvolta in un telo di cellophane che ieri pomeriggio è stata trovata all’interno di una cava abbandonata a Cernusco sul Naviglio (Milano). Aveva 43 anni e viveva proprio nel comune dell’hinterland milanese. Nessuno aveva denunciato la sua scomparsa, un dettaglio compatibile con la data della morte secondo i primi accertamenti: non più tardi di uno o due giorni prima. La donna era in pigiama e senza scarpe, le mani legate, il telo tenuto chiuso da filo e cinghie di una tapparella, infine tre blocchi di cemento avevano la funzione di affondare il cadavere e mantenerlo sott’acqua. Gli investigatori stanno valutando con interesse l’abbigliamento casalingo della vittima. Chi l’ha uccisa potrebbe averlo fatto in casa e soprattutto potrebbe aver conosciuto bene la donna. In attesa che l’autopsia disposta dal pm Francesco Cajani riveli le reali causa della morte, i carabinieri hanno iniziato a cercare risposte attorno alla vita relazionale della 43enne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com