Cad e paradossi continuativi…

Sappiamo da ‘Il Fatto Quotidiano’ che, relativamente alla Bignardi,    la Rai sfora la legge Monti sul tetto degli appannaggi ai dirigenti. Dice che alla neo Direttrice di Rai 3 viene riconosciuto un ammontare di 260 mila Euro. La stessa reagisce e chiarisce che non si tratta di ‘un’invasione barbarica, in quanto gli emolumenti sono rapportati all’impegno, vista l’alta difficoltà di affrontare una competizione di mercato sempre più sofisticato.  Primo paradosso, ma quale mercato,  la Rai non è  un ente totalmente pubblico. Altro paradosso, ma quale competizione qualitativa, se ancora la Rai ci propina le ‘Avventure di Zorro’, che già noi cinquanta anni fa ci rifiutavamo di vedere, senza la possibilità di cambiare canale. In effetti di obbligo pubblico e rispetto c’è rimasto solo il pagamento ‘elettrizzante’ del canone…

Gerardo Rosa Salsano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com