Brexit, May vuole quarto voto su accordo con Ue

Theresa May non vuole rassegnarsi. Nonostante il suo piano per una ‘uscita’ ordinata dall’Ue sia stato bocciato per la terza volta, la premier sarebbe pronta a ripresentarsi alla Camera dei Comuni per chiedere un nuovo voto sulla Brexit. Fonti di governo sostengono che, dopo i ‘voti indicativi’ previsti per lunedì alla Camera dei Comuni su una serie di opzioni alternative, May potrebbe proporre una sorta di ‘ballottaggio’ tra il suo piano e l’ipotesi più votata lunedì prossimo. Insomma un nuovo passaggio parlamentare per decidere sul divorzio dall’Ue prima che la situazione possa essere del tutto compromessa.

La riduzione dello scarto nella sconfitta, dai 203 voti di gennaio ai 58 di ieri, fa dire alle fonti che “si sta andando nella giusta direzione”: sebbene l’offerta dell’Ue di rinvio dell’uscita al 22 maggio sia ormai decaduta e a Londra resti tempo solo fino al 12 aprile. Il piano del governo sarebbe ora quella di provare a resuscitare l’accordo riproponendolo la settimana prossima a Westminster in un ballottaggio con il piano B alternativo d’iniziativa parlamentare che dovesse emergere dalla nuova sessione di ‘voti indicativi’ dell’aula di lunedì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com