Bonus bici e monopattini

Bonus mobilità, domande fino al 13 maggio per l’incentivo fino a 750 euro per chi ha acquistato monopattini, biciclette e abbonamenti ai servizi pubblici

Mancano poche ore alla scadenza del bonus mobilità: fino al 13 maggio, salvo proroghe, è  stato possibile fare domanda per bonus bici e monopattini, il credito d’imposta fino a 750 euro previsto per l’acquisto di mezzi e servizi di mobilità a zero emissioni con conseguente rottamazione di un vecchio veicolo di categoria M1.

Il bonus, utilizzabile esclusivamente nella dichiarazione dei redditi, è fruibile non oltre il periodo d’imposta 2022 e riguarda le spese sostenute dal 1° agosto 2020 al 31 dicembre 2020.

Bonus mobilità, quanto vale

Il bonus consiste in un credito d’imposta nella misura massima di 750 euro, riconosciuto a chi ha sostenuto spese per l’acquisto di biciclette, monopattini elettrici, e-bike, abbonamenti al trasporto pubblico, servizi di mobilità elettrica in condivisione (sharing) o sostenibile nel periodo compreso tra il primo agosto 2020 e il 31 dicembre 2020.

Bonus mobilità, a chi spetta

Nei veicoli ammissibili rientrano biciclette, monopattini elettrici, e-bike, ma il bonus può essere riconosciuto anche alle persone che hanno sostenuto spese per abbonamenti al trasporto pubblico, servizi di mobilità elettrica in condivisione (sharing) o sostenibile.

L’Agenzia ricorda che per beneficiare dell’agevolazione “è necessario aver consegnato per la rottamazione, nello stesso periodo, contestualmente all’acquisto di un veicolo, anche usato, con emissioni di CO2 comprese tra 0 e 110 g/km, un secondo veicolo di categoria M1 rientrante tra quelli previsti dalla normativa in materia”.

Bonus mobilità, come presentare la domanda

Per ottenere il bonus mobilità 2022 è necessario fare domanda sulla piattaforma dedicata dell’Agenzia delle Entrate. La domanda deve essere essere presentata direttamente dal contribuente o da un incaricato abilitato all’invio delle dichiarazioni, esclusivamente online.

C’è tempo fino al 13 maggio 2022 e sarà necessario indicare le spese sostenute così come il credito d’imposta richiesto, che sarà utilizzabile esclusivamente nella dichiarazione dei redditi in diminuzione delle imposte dovute e potrà essere fruito non oltre il periodo d’imposta 2022.

Potrà essere erogato in seguito nella misura del 100% solo se le richieste saranno inferiori ai 5 milioni di euro, che è la cifra massima stanziata dal governo. Qualora le richieste dovesse essere superiori, il meccanismo prevede che si proceda applicando una percentuale di ripartizione dei fondi in base al numero dei richiedenti.

Circa Redazione

Riprova

OSSERVATORIO COMMERCIALISTI – SOCIETA’ DI SERVIZI: CALA IL FATTURATO (-3%) MA CRESCONO GLI ADDETTI (+1,6%)

Fatturato in flessione del -3% nell’anno pandemico rispetto al precedente, ma gli addetti crescono del …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com