Bob Dylan, un inedito a sorpresa sull’omicidio di Kennedy

Bob Dylan ha pubblicato una nuova canzone, ‘Murder Most Foul’, che dura 16 minuti e 57 secondi,  ed è un’epica libera associazione  sull’assassinio del presidente John F. Kennedy nel 1963″.

Il  ritorno di Dylan con un brano inedito, il primo da 8 anni a questa parte, il primo dopo la vittoria, nel 2016, del Nobel per la Letteratura. La  “monumentale” – lunghissima – canzone prende ispirazione dall’assinio di Jfk: il titolo in italiano potrebbe essere tradotto l’omicidio più disgustoso, più cattivo. Pubblicandola sui suoi profili social – ora disponibile su numerosi servizi di streaming, come Spotify, Apple Music e Soundcloud, oltre a YouTube –  Dylan l’ha corredata di un messaggio nel quale si intravede un  sottile riferimento alla crisi del Coronavirus: “Saluto i miei fan e follower con gratitudine per tutto il vostro supporto e la vostra lealtà nel corso degli anni. Questa è una canzone inedita che abbiamo registrato qualche tempo fa e che potreste trovare interessante. State al sicuro, state attenti e che Dio sia con voi”.

La voce di Dylan, su un tappeto melanconico e romantico di piano e archi alla Leonard Cohen, scandisce parola per parola, pur arrochita in maniera chiara, assolutamente intellegibile, il gigantesco nuovo poema in musica: parte come fosse un racconto di cronaca: “Fu un giorno buio a Dallas, nel novembre ’63. Un giorno che vivrà nell’infamia. Il presidente Kennedy era molto in gamba. Una buona giornata per vivere e una buona giornata per morire. Portato al macello, come un agnello sacrificale…“.

Partendo dalla cronaca, Dylan dapprima si sdoppia, e s’incarna nel Kennedy morente (“Mi chino a sinistra e ho la testa sul grembo di mia moglie“) così come nell’assassino, anzi gli assassini: “Abbiamo già qualcuno pronto a prendere il tuo posto“. Poi le liriche s’innalzano in volo, con Dylan che intesse  il flusso di coscienza attraverso mille riferimenti pop – l’America dell’illusione e del suo declino –  dal sogno dei Beatles e Woodstock agli Who e Stevie Nicks, da Monk a Charlie Parker, da Shakespeare a  Buster Keaton a Marilyn e a “Via col vento“ (“francamente, signorina Scarlett, me ne infischio”), diventando così da coscienza personale, coscienza collettiva.

Il brano recita ancora: “Il giorno in cui l’hanno ucciso qualcuno mi ha detto: Figlio l’età dell’Anticristo è appena iniziata“.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com