Bimba costretta a mangiare tonno e cracker: Candreva paga la retta

Antonio Candreva è disposto a pagare la retta della mensa della bambina costretta a mangiare tonno e cracker a scuola per il mancato pagamento della ‘quota mensa’ da parte dei genitori. Il calciatore dell’Inter ha parlato con il sindaco del paese di Minerbe, in provincia di Verona, Andrea Girardi, per avere i dettagli della vicenda e annunciare che vorrebbe pagare la retta delle mensa in favore della bambina, che frequenta la scuola elementare.

L’episodio, accaduto pochi giorni, è stato denunciato dalla segreteria provinciale del Partito democratico, che ha parlato di “scelta discriminatoria” da parte dell’amministrazione comunale a guida leghista. La scelta sarebbe stata concordata tra i gestori della mensa e il Comune dopo i continui solleciti al pagamento verso la famiglia. Casi del genere si sarebbero verificati anche alla fine del 2018, e in qualche occasione sembra che le insegnanti avrebbero rinunciato al proprio pasto per darlo ai bambini indigenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com