Berlusconi-Meloni, incontro a Villa Certosa: ‘Nel dopo-Draghi c’è il centrodestra unito’

I rapporti all’interno della destra sembrano essere ancora molto tesi per due motivazioni: da una parte Fratelli d’Italia non spererebbe in una Federazione di partiti del centrodestra, quindi in un unico grande partito, poiché potrebbe perdere peso; dall’altro lato, dopo le nomine del cda Rai – dove Forza Italia e Lega sono riuscite ad accaparrarsi un rappresentante per parte – Fratelli D’Italia è rimasta al palo con grande rammarico.

In ogni caso, l’incontro a Villa Certosa tra Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni si è svolto, in un clima “assolutamente cordiale”. È superata ogni incomprensione e, si apprende dalle stesse fonti, si è rafforzato il clima di collaborazione tra le diverse forze del centrodestra. La prospettiva è quella di andare uniti quando, nel 2023, finita la stagione del governo di Mario Draghi, tornerà il confronto tra centrodestra e centrosinistra.

Il colloquio, durato circa due ore e al quale ha partecipato anche Ignazio La Russa, non ha mai registrato toni, neanche velatamente, ostili. Non era scontato alla luce delle recenti polemiche sollevate a seguito dell’asse tra Lega e Forza Italia sull’elezione del nuovo Cda Rai e che ha avuto come vittima designata proprio il consigliere a suo tempo indicato da Fratelli d’Italia. Una vicenda spiacevole sulla quale solo l’altro  era tornato lo stesso Berlusconi per chiedere scusa alla Meloni, e per parlare di «compensazioni» editoriali in favore di FdI.

«Non siamo qui per discutere di caselle o collegi, ne’ di Calabria», hanno subito chiarito  Meloni e La Russa. «Chiediamo  un cambiamento di clima. Se ci sarà questo cambiamento, poi, nei tavoli opportuni si risolverà tutto». La leader di FdI ha insistito a lungo sulla necessità di un rilancio della coalizione di centrodestra, appannata dalle divisioni sul governo Draghi e dai casi Copasir e Rai. «La nostra non può essere una coalizione che si ricompatta solo davanti alle scadenze elettorali».  Una premessa necessaria per chiedere garanzie a Berlusconi. Una su tutte e riguarda il dopo-Draghi: Forza Italia e Lega continueranno a governare con Pd e M5s?

Sul punto il Cavaliere ha ribadito la transitorietà della maggioranza a sostegno di Draghi e confermato il suo lavoro per la compattezza del centrodestra.  Gli interlocutori hanno dichiarato superata ogni incomprensione e rafforzato il clima di collaborazione interna. Intanto, si fa sentire anche Matteo Salvini: «Il rapporto con la Meloni – assicura – è idilliaco».

Circa Redazione

Riprova

Regione Campania, il consigliere Pierro richiede ODG su alta velocità Salerno

 Il consigliere regionale della Lega Attilio Pierro ha depositato richiesta di un ODG presso la quarta commissione …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com