Attivista diventa un sacrificio umano, per salvare la ‘Vacca Sacra’

È un attivista di una setta indù, che ingerito dei pesticidi nello stato del Gujarat, nel nord ovest dell’India, in segno di protesta per elevare l’animale nazionale, la Vacca Sacra. L’uomo si chiama Gabhru Baharward, di 4o anni. Si tratta di un appartenente ad un piccolo gruppo, per altro non noto denominato ‘Gua Raksha Ekta Samiti Guirat” che si batte la tutela del bovino. Dello stesso fervore suicida, alttri sette militanti che come lui, hanno tentato il suicidio nel medesimo modo, e si sono salvati.

La procedura di morte è stata eseguita con l’assunzione di un potente pesticida, durante una manifestazione nei pressi di un ufficio governativo della città di Rajkot, la quarta città del Gujrat, lo Stato di provenienza del premier Narenda Modi.

È stato vano il tentativo di mettere in salvo l’uomo con il trattamento di disintossicazione, si è sacrificato per la sua Vacca Sacra.

 

Emilia Napolitano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com