Attesa per Polanski e Madonna

Prende il via la Mostra d’arte cinematografica di quest’anno con la classe di Roman Polanski e l’irresistibile Madonna, autentici protagonisti di giornata. Si inaugura anche la Settimana della Critica e l’Italia schiera tre “campioni” fra cui il più chiacchierato è forse “Ruggine” alle Giornate degli Autori.

Ecco i Film In gara:

CARNAGE  di Roman Polanski con Jodie Foster, Kate Winslet, Christopher Waltz. In Concorso. Dal romanzo di Yasmina Reza, tratta di una storia di intrecci sentimentali tra due coppie che si conoscono per i loro figli che vanno nella stessa scuola. Del film, girato in Europa come ormai è d’obbligo per il regista apolide, si sa poco ma la sorpresa e il brivido dello scandalo sono d’obbligo.

SAIDEKE BALAI di Wei Te- Sheng. In concorso. Un’epopea della recente storia della Cina, più precisamente di Taiwan, che rimanda a miti ancestrali e a un similare episodio della tradizione occidentale: la resistenza di Leonida alle Termopili. Anche in questo racconto un capo tribù dell’etnia originaria dell’isola di Taiwan si ribella agli invasori: in questo caso l’esercito d’occupazione giapponese. Sarà una lotta senza speranza ma in soccorso degli indigeni vengono in soccorso gli dei.

W.E. di Madonna con Abbie Cornish, Andrea Riseborough e James d’Arcy. La solforosa storia d’amore tra il re d’Inghilterra (poi portato ad abdicare) Edoardo e l’americana Wallis Simpson. Storia di sesso e di passione, spesso diversa da come la raccontò la stampa dell’epoca e proprio questa è l’ossessione della giovane giornalista Wally che vuole ristabilire la verità, mezzo secolo dopo. Il film uscirà in Usa per la campagna dell’Oscar.

GIOCHI D’ESTATE di Rolando Colla con Armando Condolucci e Fiorella Campanella. Fuori concorso. Una classica situazione da commedia generazionale tra tende da campeggio, sole canicolare, mare romantico e pinete compiacenti. Ma il film, che intreccia storie intime delle generazioni dei padri e dei figli, mette in evidenza un giovane esordiente e la giovane francese Fiorella Campanella che si è già vista nei film di Julian Schnabel.

STOCKHOLM OSTRA di Simon Kaiser da Silva. Settimana della Critica. L’appuntamento con il cinema scandinavo è ormai diventato una sorta di “marchio di qualità” per la sezione curata dai critici e dedicata al cinema degli esordienti. Non fa eccezione il primo titolo in programma, tesa storia d’amore metropolitana con le cadenze del noir.

RUGGINE di Daniele Gaglianone con Valeria Solarino, Filippo Timi, Stefano Accorsi, Valerio Mastandrea. Giornate degli Autori. Il ricordo di uno spaventoso incontro con un “mostro” pedofilo in giovanissima età segna per sempre le esistenze di due uomini e una donna, costretti a ricordareIl “Mystic River” italiano fa già discutere.

SCOSSA di Maselli, Lizzani, Gregoretti, Russo. Fuori Concorso. Quattro episodi diretti dal fior fiore del cinema militante di ieri per rievocare, in modo personale e sorprendente, una pagina di grande solidarietà sociale e di svolta politica nella storia italiana: il terremoto di Messina d’inizio ‘900.

CUT di Amir Naderi – Orizzonti. Il secondo concorso della Mostra, lo spazio dedicato alla ricerca e alla cinefilia prende il via con l’opera di uno dei più celebri registi iraniani che da sempre vive lontano dalla patria per dissidi con il regime degli Ayatollah. Nella stessa sezione si vede anche un programma internazionale di “corti” e il sorprendente

PHOTOGRAPHIC MEMORY di Ross McElwee. -INDIA di Roberto Rossellini – Fuori Concorso. Rivive a nuova vita con un paziente restauro filologico uno dei film-documento più originali del grande regista neorealista.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com