Siria, Mosca consegna agli Usa piano su armi chimiche. Letta: “Intervento con mandato Onu”

Il piano anti attacco di Mosca, è stato trasmesso agli Stati Uniti. La Russia ha infatti trasmesso agli Usa le linee guida da seguire per porre sotto il contrlollo internazionale le armi chimiche siriane.. Lo riferisce una fonte citata da Itar-Tass, auspicando che il piano venga discusso domani a Ginevra nell’incontro tra Serghiei Lavrov e il suo collega Usa John Kerry.

Onama: “intervento se diplomazia fallirà”. La situazione tra gli Usa e la Siria è appesa al filo della diplomazia e nonostante gli incoraggiamenti di questi ultimi giorni dalla conclusione del G20 a San Pietroburgo,  il presidente Barack Obama continua a chiedere con forza il sostegno degli americani ai raid contro il regime siriano se la diplomazia fallirà. Il capo degli Usa ripete che nella crisi “sono in gioco i nostri ideali e i nostri principi assieme alla nostra sicurezza nazionale”. “L’America non è il gendarme del mondo” e, aggiunge, “va oltre i nostri mezzi riparare a ogni errore ma quando, con rischi e sforzi ridotti, possiamo evitare che altri bimbi siano gasati a morte mettendo anche i nostri bambini al sicuro, credo che dovremmo agire”. Obama chiede agli americani: “Se gli Stati Uniti vedono un dittatore violare in modo sfacciato il diritto internazionale e scelgono di voltarsi dall’altra parte?”. Intanto da Roma interviene il ministro degli Esteri: “Bashar al-Assad “deve firmare” la convenzione sulle armi chimiche” ha detto il ministro Emma Bonino intervistata da 24Mattino su Radio 24. Anche il presidente del Consiglio Enrico Letta ha ribadito: “L’Italia non interviene senza l’autorizzazione delle Nazioni Unite”.

Letta: “Intervento solo con mandato Onu”. Alla “censura di un atto che si configura senza alcun dubbio come un crimine contro umanità” deve seguire una sanzione “dura, pronta, adeguata da parte della comunità globale”. E’ quanto ha dichiarato il premier Enrico Letta in Aula alla Camera sull’uso delle armi chimiche in Siria. “Esiste ancora lo spazio, angusto ma percorribile, per adottare misure da parte dell’Onu per sanzionare e prevenire l’ulteriore uso di armi chimiche”, ha aggiunto il presidente del Consiglio italiano.

‘L’Italia non parteciperà ad un’azione militare in Siria senza un mandato dell’Onu”, ha detto il premier Enrico Letta alla Camera. Un’azione militare fuori dal mandato Onu, ha detto, ”rischia di generare reazioni e controreazioni” dagli esiti imprevedibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com