Atene: sospesi controlli biglietti su mezzi pubblici biglietti

Sono stati sospesi i controlli sui mezzi pubblici ad Atene, dopo la morte di un giovane di 19 anni avvenuta lo scorso 13 agosto. Thanassis Kanaoutis, caduto da un tram in seguito ad una discussione con un controllore che lo aveva sorpreso senza biglietto (1,40 euro). La morte ha scaturito una serie di proteste anche violente da parte di numerosi giovani ai quali si sono affiancati anche i sostenitori del gruppo di disobbedienza civile ‘Io non voglio pagare’, che contestano le rigide misure di austerità varate dal governo nel tentativo di risanare i conti pubblici come richiesto dai creditori internazionali della Grecia. Nonostante le proteste si siano calmate, riferisce Kathimerini, un portavoce dell’azienda di trasporto municipale di Atene (Oasa) ha detto che già da metà agosto sono stati sospesi i controlli dei biglietti. “La rabbia provocata da quel tragico incidente ha reso praticamente impossibile ai controllori svolgere il loro lavoro”, ha detto il portavoce. Ma ad essere arrabbiati sono anche i controllori che adesso, non lavorando, non ricevono più le commissioni sulle multe (40 euro) che comminavano ai passeggeri trovati senza biglietto. La sospensione dei controlli ha comunque danneggiato anche l’Oasa che dall’anno scorso – proprio per contrastare il già esistente ma sempre più dilagante fenomeno dei ‘portoghesi’ – aveva visto migliorare notevolmente (+72,8%) i propri introiti appunto con l’introduzione dei controllori. Lo scorso luglio i controllori hanno elevato 6.363 multe e fatto incassare all’azienda 471.106 euro a confronto delle 3.681 multe comminate nel luglio del 2012 per complessivi 292.038 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com