Asset crypto usate per evadere la tassazione

Criptovalute e fiscalità

L’autorità fiscale britannica (Her Majesty’s Revenue and Customs) ha deciso di aumentare i controlli e le procedure di analisi per scovare asset crypto nascosti usate per evadere la tassazione.

È stato approvato il nuovo modulo dichiarazione dei beni contenente la voce riguardanti criptomonete: verrà richiesto la testimonianza di possesso di crypto, sistemi di scambio di valute e altre informazioni necessarie per il tracciamento ai fini fiscali.

David Jones, direttore di UHY Hacker Young, ha spiegato:
“La Her Majesty’s Revenue and Customs sospetta che si stia facendo sfuggire una quantità crescente di ricchezza nascosta, dato l’aumento di popolarità delle criptovalute e di altri sistemi non autorizzati per il trasferimento di denaro. Questa richiesta di informazioni è un passo importante nella lotta contro l’evasione fiscale della HMRC”.
“L’ignoranza delle leggi applicabili a questo settore in forte espansione non rappresenterà più una difesa valida”.

La HRMC, consapevole del fatto che un modulo non basti per contrastare le false dichiarazione riguardanti un wallet digitale, mira ad aumentare i capi d’accusa in caso di evasione, dimostrando di essere al passo con i tempi e seguendo l’evoluzione del mercato delle criptovalute.

Circa Roberto Lamanna

Riprova

Tas respinge ricorso di Schwazer. Addio olimpiadi di Tokio

 Il Tas ha respinto il ricorso presentato da Alex Schwazer per tornare a poter gareggiare …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com