Folla in uno degli sportelli INPS a Napoli tra le citta' con più richieste di domande di pensione anticipata con Quota 100, 8 febbraio 2019 ANSA / CIRO FUSCO

Assegni al nucleo familiare: domande al via e aumenti dal 1° luglio

È disponibile sul sito Inps la procedura per le domande di assegno al nucleo familiare per i lavoratori dipendenti del settore privato, relativo al periodo valido dal 1° luglio 2021 al 30 giugno 2022.

La procedura è stata avviata con un messaggio dell’Istituto che include le consuete tabelle di calcolo e rivalutazione annuale dei redditi per il nucleo familiare rispetto alle diverse tipologie di nuclei e maggiorazioni per i nuclei con figli.

Aumenti ANF da luglio 2021

Si segnala che il decreto legge  sull’assegno unico per i figli ha previsto che: “ a decorrere dal 1° luglio 2021 e fino al 31 dicembre 2021, gli importi mensili in vigore dell’assegno per il nucleo familiare 

  • per i nuclei familiari fino a due figli sono maggiorati di euro 37,5 per ciascun figlio,
  • per i nuclei familiari di almeno tre figli gli importi sono maggiorati di 55 euro per ciascun figlio“.

Gli aumenti sono riportati nelle tabelle relative all’adeguamento, con decorrenza 1° luglio 2021, dei livelli di reddito familiare ai fini della corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare alle diverse tipologie di nuclei.
La rivalutazione degli assegni familiari avviene, specifica l’Inps, “in misura pari alla variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, calcolato dall’ISTAT, intervenuta tra l’anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell’assegno e l’anno immediatamente precedente.”

Assegni al nucleo familiare, come fare domanda

I lavoratori dipendenti del settore privato possono inoltrare la domanda telematica di assegno per il nucleo familiare per il periodo valido dal 1° luglio 2021 al 30 giugno 2022, utilizzando la specifica procedura presente sul portale dell’Istituto.

L’accesso all’area riservata è possibile con:

  • Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID);
  • Carta di Identità Elettronica (CIE);
  • Carta Nazionale dei Servizi (CNS);
  • PIN INPS rilasciato prima del 1° ottobre 2020.

Oppure si può fare domanda attraverso Patronati e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi, anche se non in possesso di PIN.
In alternativa, si può fare la domanda tramite:

  • Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile;
  • enti di patronato e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Sarà l’INPS, una volta ricevute le domande, a calcolare gli importi giornalieri degli assegni al nucleo familiare e quelli mensili teoricamente riconosciuti in base:

  • alla composizione del nucleo familiare;
  • al reddito conseguito negli anni precedenti.

Circa Redazione

Riprova

Welfare, Buono (Fenalc): 200 ragazzi con disabilità gravi inseriti nel progetto ‘#unicimaisoli’

“Le limitazioni imposte dall’emergenza Covid non hanno fermato la solidarietà” Urraro (Lega): “Dal Recovery plan …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com