Arrestato sindaco di Pantelleria: tangenti per far assumere figlio di imprenditore

Avrebbe intascato una tangente di 10.000 euro da un imprenditore edile di Alcamo (Trapani) per assumere il figlio come dirigente di un settore dell’amministrazione comunale. Con l’accusa di corruzione aggravata è stato arrestato, per ora ai domiciliari, il sindaco di Pantelleria, Alberto Di Marzo. Perquisiti sull’isola l’ufficio del sindaco e quelli di alcuni dirigenti e funzionari del Comune. Non è la prima volta che il primo cittadino dell’isola finisce nei guai per estorsione: il suo deve essere proprio un bel vizietto. Nel 2002 Di Marzo fu arrestato con l’accusa aver messo in atto estorsioni nei confronti di alcuni imprenditori. Per quella vicenda venne condannato a 3 anni e sei mesi di reclusione, venendo poi assolto in appello. Diversa la vicenda che questa volta lo hanno portato agli arresti domiciliari. Di Marzo era stato eletto sindaco di Pantelleria con una lista civica il 31 maggio del 2010 e i fatti contestatigli sono di poco successivi: nel giugno di quello stesso anno avrebbe ricevuto dall’imprenditore, che in passato si era aggiudicato rilevanti appalti nell’isola, 10.000 euro in contante e gioielli in oro per altri 800 euro, provenienti da una gioielleria gestita dallo stesso imprenditore. Si sarebbe trattato solo dell’anticipo di una tangente complessiva di 40.000 euro, poi non saldata, per assumere il figlio del costruttore come dirigente del Comune, nonostante quel ruolo non fosse necessario all’amministrazione municipale. Il giovane ingegnere idraulico sarebbe stato all’oscuro di queste manovre e venne assunto dal Comune, che nell’agosto del 2011 gli mosse contestazioni disciplinari. Il padre, nel timore di un licenziamento, aveva allora deciso di rivolgersi alla magistratura e si era presentato al procuratore della Repubblica di Marsala, Alberto Girolamo Di Pisa, e al sostituto Bernardo Petralia, ai quali aveva riferito di aver corrotto il sindaco per trovare un posto di lavoro al figlio. Oggi l’epilogo della vicenda che si è chiusa con gli arresti domiciliari per il sindaco di Pantelleria.

Circa admin

Riprova

‘Ndrangheta: arrestati sindaco e consigliere Comune Rosarno

Il sindaco di Rosarno, Giuseppe Ida’, e’ tra i 49 arrestati nell’ambito dell’operazione “Faust”, condotta …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com