epa09035514 Armenian Prime Minister Nikol Pashinyan (C) greets people while walking with his supporters on the streets in downtown of Yerevan, Armenia, 25 February 2021. Pashinyan called on his followers to rally in central Yerevan to support him after he denounced a military coup against him following the army's demanding of his resignation. Pashinyan faced protests with calls to resign after the handling of a six-week conflict between Azerbaijan and Armenian forces over the region of Nagorno-Karabakh in 2020. EPA/HAYK BAGHDASARYAN/PHOTOLURE MANDATORY CREDIT

Armenia: tentativo di golpe, il premier chiama la gente in piazza

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha marciato per le strade della capitale Erevan con i suoi sostenitori dopo aver accusato i militari di aver montato un tentativo di colpo di stato. “La situazione è tesa ma dobbiamo evitare gli scontri”, ha detto Pashinyan ai suoi sostenitori attraverso un megafono, aggiungendo che la nuova instabilità politica che segue mesi di proteste contro il suo governo è “gestibile”.

Lo riporta AFP. Nikol Pashinyan ha destituito Onik Gasparyan – che ha chiesto le sue dimissioni e quelle del governo – dal posto di capo dello Stato Maggiore delle forze armate armene. “Oggi ho firmato la decisione di sollevare Onik Gasparyan dalle sue funzioni. Considero la sua dichiarazione come un tentativo di colpo di stato militare”, ha detto Pashinyan durante un livestream sulla sua pagina Facebook. Lo riporta Interfax.

“Un colpo di stato militare non accadrà. Tutto finirà in modo pacifico. Decideremo cosa fare insieme al popolo”, ha detto Pashinyan durante una marcia a Erevan. Il diritto del popolo di formare le autorità non dovrebbe essere messo in dubbio, ha sottolineato. Lo riporta Interfax.

Vazgen Manukyan, candidato dell’opposizione armena a primo ministro, ha messo in guardia la gente dal cedere alle azioni provocatorie del governo ma ha esortato i suoi sostenitori a riunirsi in Piazza della Repubblica nel centro di Yerevan.

“Il primo ministro Nikol Pashinyan sta cercando di portare il nostro popolo a una guerra civile, scontri e spargimenti di sangue. Chiediamo a tutti i cittadini armeni di non cadere nelle provocazioni di questo regime, di manifestare moderazione: l’unico garante della nostra sicurezza sono le forze armate e il loro comando”, ha detto Manukyan. Che poi ha incoraggiato i suoi sostenitori a riunirsi in Piazza della Repubblica alle 15:00 ora locale.
Il primo ministro Pashinyan aveva detto all’inizio della giornata che avrebbe parlato in Piazza della Repubblica alle 16:00 ora locale. Lo riporta Interfax.

Il Cremlino segue gli sviluppi in Armenia con un senso di preoccupazione ma crede che sia esclusivamente un affare interno. Lo ha detto il portavoce di Putin Dmitry Peskov citato dalla Tass. Mosca è un alleato stretto di Erevan, che fa parte dell’Unione Economica Euroasiatica, e primo sostenitore dell’esercito armeno.

Circa Redazione

Riprova

Birmania: Gb pronta a offrire asilo a ambasciatore sfrattato

Il Regno Unito è pronto a offrire protezione e asilo a Kyaw Zwar Minn, silurato …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com