Arboscultura

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, l’articolo ricevuto da James Hansen:

Negli anni ’40 del secolo scorso un contadino americano di nome Axel Erlandson piantò sei alberi di sicomoro in cerchio e poi, attraverso successivi innesti tra i singoli tronchi – e 25 anni di pazienza – creò “l’albero cestello” che appare qui sopra  dopo 75 anni. Erlandson  invece morì nel 1964, a ottant’anni. Le sue particolari tecniche sono in buona parte scomparse con lui, anche se le sue strane piante – un centinaio – in molti casi ancora sopravvivono.

L’uomo, nato in Svezia e emigrato da bambino negli Usa con i suoi genitori, non era che un semplice coltivatore di fagioli. Aveva però notato il fenomeno dell’anastomosi – l’occasionale fusione spontanea tra i rametti – nelle siepi che proteggevano i suoi campi e decise di vedere se a tempo perso poteva lui stesso governare il processo. Ci riuscì, in maniera spettacolare e ineguagliata.  A chi gli chiedeva del suo segreto rispondeva solo che: “Io con le piante ci parlo”.

Spronato dalla famiglia, Erlandson creò perfino un “Circo degli Alberi”, una sorta di parco di divertimenti ancora esistente. Non gli rese mai granché in termini economici, ma lui e i suoi alberi diventarono a modo loro famosi negli Usa negli anni prima della sua morte. Ridendo e scherzando, aveva inventato – o meglio, popolarizzato – una nuova forma artistica, detta oggi “arboscultura” o, tra i nuovi adepti, tree shaping.

In sé, plasmare artificiosamente gli alberi nella forma desiderata, come con il bonsai giapponese o la topiaria – l’ars topiaria, l’arte di potare gli arbusti al fine di dargli una forma particolare per scopi ornamentali – non è certo una novità. Dipende perlopiù dalla sapiente “sottrazione” di forme indesiderate e meno dall’aggiunta di nuove parti. La tecnica di Erlandson ha fatto scuola.

Che ci si possa guadagnare da vivere pare molto improbabile. Vista la curiosa natura – e la durata pluri-decennale dei progetti – è difficile però definirlo hobby. Deve trattarsi allora di “design”…

Circa Redazione

Riprova

Fabio Condemi e Gabriele Portoghese portano in scena Pasolini con QUESTO È IL TEMPO IN CUI ATTENDO LA GRAZIA, dal 19 al 30 maggio al Teatro India

Teatro India 19 • 30 maggio 2021 Sala Oceano Indiano QUESTO È IL TEMPO IN …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com