Appello Bagnasco ai cattolici: “Non disertate urne”

“Un cattolico non può permettersi di contribuire al disimpegno che domina l’attualità italiana. Partecipare al voto è un modo per non disertare la scena pubblica”. E’ quanto dichiara il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, che commenta nel corso di un’intervista a Famiglia Cristiana l’incertezza di gran parte dei cattolici, riguardo alle prossime elezioni.

 

“Circola spesso l’immagine di un Paese disamorato, privo di prospettive, quasi in attesa dell’ineluttabile”,  ha dichiarato il il card. Bagnasco nell’intervista al direttore di Famiglia Cristiana, don Antonio Sciortino. “La crisi economica e sociale è però il sintomo drammatico di uno spaesamento più profondo – aggiunge -. L’effetto è un ripiegamento sul privato e una fuga nella demagogia che allontana la possibilità di un cambiamento”.

 

“La presenza di esponenti cattolici in schieramenti differenti dovrà accompagnarsi a una concreta convergenza sulle questioni eticamente sensibili”. Lo afferma il card. Angelo Bagnasco, presidente della Cei, in un’intervista a Famiglia Cristiana.

 

Secondo Bagnasco, “l’insignificanza, infatti, si produce quando all’appartenenza dichiarata non segue un’azione centrata sui valori di riferimento dell’antropologia cristiana e si perseguono logiche più vicine al proprio tornaconto che al perseguimento del bene comune. Se non si dice nulla di significativo, perché non si conosce o per convenienza, si diventa irrilevanti”. Alla domanda se sarebbe stato meglio che i cattolici confluissero tutti al centro per contare di più, il presidente della Cei risponde che “bisogna guardare avanti”.

“I cattolici – spiega – sono chiamati in una società lacerata e priva di slancio vitale a riprendere il cammino perché è ancora possibile riscattare un Paese che ha un potenziale enorme”. “Penso però – prosegue – che l’Italia non riprenderà a girare senza riappropriarsi della sua sensibilità umanistica che è innegabilmente cristiana. Qui sta l’apporto che ci si attende da politici credenti, un contributo non generico, ma come esige la storia oggi, sempre più puntuale e concreto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com