Anche New York legalizza la marijuana. L’accordo

La marijuana a uso ricreativo sarà legale anche a New York. I legislatori dello Stato hanno ufficialmente finalizzato l’accordo per la legalizzazione della cannabis, che potrebbe portare nella casse statali fino a 350 miliardi l’anno di nuove entrate fiscali.

L’intesa prevede la vendita di marijuana agli adulti sopra i 21 anni e offre ai singoli la possibilità di far crescere anche in casa piante di cannabis per uso personale.

La scelta segue quella di diversi altri stati americani, a partire dal Colorado, e oltre ad una finalità sociale (meno potere al narcotraffico e meno incarcerati) ha obiettivi di carattere economico e fiscale: meno lotta alla droga vuol dire risparmio da dirottare sjulle politiche sanitarie in tempo di pandemia, e la liberalizzazione genererebbe gettito  e posti di lavoro. Quello di New York è quattordicesimo Stato americano che legalizza la cannabis.

Lo Stato imporrà una tassa del 9% delle vendite al dettaglio in grado di generare fino a 350 milioni di entrate fiscali l’anno. Le città invece potranno imporre un’imposta del 4%.

La legge consente coltivazione, vendita e uso della marijuana a scopo ricreativo, e allarga quello medico già lecito, da 30 a 60 giorni di forniture. Ogni individuo avrà il diritto di crescere sei piante, ma sarà consentita la coltivazione industriale. Per comprare l’erba bisognerà avere almeno 21 anni d’età, e sarà possibile farlo in locali aperti apposta, che però non potranno vendere anche alcolici. Tutti i reati per il possesso sotto le 3 once saranno cancellati, e la disposizione è retroattiva.

In origine il governatore era contrario, considerando la marijuana come una “porta d’ingresso” verso droghe più pesanti. Questo il suo tweet in proposito: “Troppi newyorkesi sono stati ingiustamente penalizzati e arrestati per l’uso e la vendita di cannabis. Ora questo sta per finire. Firmerò la misura tramutandola in legge”.

Circa Redazione

Riprova

Germania, congedo commosso di Merkel: “Grata per la fiducia”

Cappotto nero, guanti e commozione in una fredda serata berlinese. Così Angela Merkel si è congedata dopo …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com