Amsterdam: arrestati 15 dipendenti aeroporto per traffico di cocaina

Oltre a smistare i bagagli dei passeggeri provvedevano anche a ritirare valige carice di droga provenienti dall’America latina. Con l’accusa di traffico di droga e per alcuni con l’aggravante di traffico di armi sono stati arrestati, a partire dal mese di luglio di quest’anno, 15 dipendenti dell’aeroporto di Amsterdam-Schiphol. Come spiega un portavoce della polizia aeroportuale, Robert van Kapel, sette dei 15 finiti in manette lavoravano per una stessa società a Schiphol. “Altri arresti non sono da escludere”, ha aggiunto. I sospetti sono di nazionalità olandese, turca e colombiana e hanno fra i e 23 e i 65 anni.

Van Kapel ha spiegato che “decine di chili” di cocaina erano stati nascosti a bordo di aerei provenienti dall’America del Sud e centrale. “I voli non sono mai stati in pericolo”, ha tenuto a sottolineare il portavoce, precisando che l’inchiesta era ancora in corso. I quindici devono rispondere di traffico di droga e alcuni di loro anche di traffico di armi.

 Nel novembre 2012, la polizia olandese aveva già arrestato 12 dipendenti dell’aeroporto coinvolti in un traffico di cocacina dai Caraibi. A marzo dello stesso anno 300 chili di cocaina erano stati sequestrati a Schiphol per un valore stimato di 12 milioni di euro. Si era trattato di uno dei più importanti sequestri di cocaina effettuati negli ultimi anni all’aeroporto di Amsterdam. Quarto scalo d’Europa, Schiphol accoglie fra 120.000 e 140.000 passeggeri al giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com