Alleanza con il Pd: il no di Grillo agita il M5S

Il no ad una alleanza-ribaltone con il Pd divide la base del M5S. Le parole di Beppe Grillo non sono state accolte molto bene da tanti dagli elettori-cittadini del Movimento. Molti temono che, soprattutto ora, con la condanna a Silvio Berlusconi, continuare a dire sempre no come ha fatto Grillo con l’ultimo post pubblicato sul suo blog, non faccia tanto bene al MoVimento. Molti elettori targati cinque stelle temono che i continui ‘no’ del loro leader releghino sempre di più in un angolo i parlamentari-cittadini facendo venire meno quella ‘rivoluzione’, democratica naturalmente, del sistema politico che li ha portati nelle istituzioni. Dai post pubblicati sul blog dell’ex comico genovese che commentano il suo “Mai con il Pdl, mai con il Pd” emerge uno spaccato in continuo fermento con suggerimenti, consigli che farebbero sicuramente bene al ‘grande capo’, se letti, farebbero bene alla crescita dei 5S. Naturalmente c’è anche chi sposa la linea di Beppe Grillo ricordando i comizi dell’ex comico genevose.  E non mancano critiche alla condotta politica del MoVimento. Angiolina B. da Roma scrive “Caro Grillo, non so se sei ancora in grado di considerare le opinioni di chi ti scrive o se sei ancora perduto dietro alle folle bizzarre di Casaleggio o alle previsioni di vittoria futura, mandando in rovina l’Italia”. “Ora – chiede nel commento – perché tu non lasci liberi di decidere i Parlamentari che hai contribuito a far eleggere, di dare la loro disponibilità, se lo vogliono, a sostenere una coalizione alternativa all’attuale?”.  “Con questo atteggiamento, con una nuova legge elettorale e quindi con una maggioranza stabile, il M5S è condannato eternamente all’irrilevanza” commenta Stefano L. da Roma. “Grande Beppe, non possiamo allearci con chi ci ha tolto il futuro. Mai con quei cialtroni. Mai” scrive un attivista. Per Antonio C., invece, a commentare le parole del leader sul di Grillo “ci sono più persone del PD che del M5S. Non riesco a leggere tutto questo spam. La linea del M5S è niente compromessi con l’immondizia. Smettetela di spammare per favore. Niente compromessi con i delinquenti. Basta!”. “L’unica cosa da fare è fare una nuova legge elettorale che sia democratica e poi al voto. Eviterei di usare frasi come “Non c’è alcuna possibilità ‘per me di allearmi” ; semmai “per noi”.  Ad ogni modo la piattaforma nazionale “liquida” online per una migliore selezione dei candidati e dei programmi dovrà per forza essere pronta per le prossime, imminenti elezioni. Stiamo aspettando una efficace piattaforma di Democrazia Diretta che sarebbe dovuta essere pronta da Aprile; ma è già pronta: basta usarla!”, scrive invece Alberto A. “Se siamo un Movimento democratico dovremmo consultarci ogni tanto.Se uno vale uno come Grillo ha detto la sua anche noi dovremmo poterci esprimere e non lo dico perché sono contro la fermezza delle nostre posizioni ma perché oggi noi avrei ASSOLUTAMENTE detto mai con il PD. Se domani il PD vota il reddito di cittadinanza che facciamo??? Sembra quasi che anche noi stiamo lavorando affinchè tutto resti fermo. Così non va”. Scrive Stefano P. da Roma. “Ritengo che sia assolutamente indispensabile dotare il sito di una piattaforma dove gli iscritti possano votare – prima – di essere presentate le proposte di legge e gli interventi vari che i nostri portavoce fanno alla camera ed al senato. Io nonostante sia sempre collegata al blog, a face-book , forum e quant’altro non riesco mai a sapere prima cosa accade. Ma non si era detto che gli eletti DOVEVANO ESSERE SOLO DEI PORTAVOCE DEGLI ISCRITTI… non mi sembra affatto ( per lo meno a Perugia) che portino la voce degli iscritti, anche perchè a Perugia le cose si vengono a sapere sempre dopo che sono state fatte, per cui nulla si può esprimere”.

Eu. Bernardo

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com