Alessandro Sallusti a Quarta Repubblica: “Coronavirus? Conte vuole farci la lezione, stia lontano dal nord”

Per Giuseppe Conte ciò che accade in Italia non è mai colpa del suo governo, figuriamoci quindi se poteva assumersi qualche responsabilità su una problematica serissima quale è l’emergenza da coronavirus. Per il premier la colpa dell’epidemia sarebbe di “un ospedale che non ha rispettato i protocolli” e non del fatto che l’Italia ha sottovalutato il pericolo non prevedendo la quarantena obbligatoria per chi arrivava dalle zone di contagio.

Alessandro Sallusti dallo studio di Quarta Repubblica, in onda su Rete 4, risponde indirettamente a Conte su questo punto: “Voler insegnare alle regioni del nord come comportarsi nelle emergenze sanitarie è come insegnare ai gatti ad arrampicarsi. Che non si metta il governo a rompere questo equilibrio, stia lontano dal nord”. Ineccepibile l’intervento del direttore del Giornale, dato che Lombardia e Veneto stanno mettendo velocemente una pezza ad una situazione difficile da gestire, dato che il coronavirus è circolato indisturbato per settimane prima di venire riscontrato.

“Una dichiarazione inaccettabile da una persona ignorante”. Giulio Gallera, assessore al Welfare della Regione Lombardia, bombarda il premier Giuseppe Conte, che lunedì sera prima ha contestato alle regioni di andare in ordine sparso sul coronavirus, poi ha puntato il dito contro l’ospedale di Codogno, colpevole a suo dire di non aver rispettato i protocolli favorendo così lo scoppio dell’epidemia. Secondo Gallera, ospite di Agorà su Raitre, il premier “ignora assolutamente quali erano e sono i protocolli definiti dall’Istituto Superiore di Sanità. Noi abbiamo seguito pedissequamente ciò che era stato determinato dall’Iss e le linee guide del ministero”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com