Al Cairo, enorme statua di Ramses II, scoperta in una baraccopoli

Una statua che raffigura con tutta probabilità l’ imperatore Ramses II, dalle dimensioni ciclopiche, è stata ritrovata oggi da un gruppo di archeologi tedeschi ed egiziani a el-Matariya, immersa nel fango tra le rovine di Eliopoli la città sacra al sole. A riferire la notizia è al Ahram, uno dei più diffusi quotidiani d’Egitto.
Il complesso scultoreo è lungo circa 8 metri. “Si tratta di una delle più importanti scoperte del Paese. Abbiamo visto il busto e una parte della testa, poi la corona e ancora un frammento dell’orecchio e dell’occhio destro” questo il commento a caldo del ministro delle Antichità, Khaled al-Anani affidato all’agenzia di stampa Reuters.

Il luogo del ritrovamento El Matariya, è una zona nella parte orientale della moderna il Cairo, che si estende là dove sorgeva l’antica città sacra Heliopolis e il tempio fatto edificare proprio da Ramses II.Il sito Egypt Independent afferma che L’area sacra in questione era all’ epoca dei faraoni una delle più importanti dell’antico Egitto, poichè raggiungeva il doppio delle dimensioni del tempio di Karnak a Luxor.
Il colosso di Ramses giaceva al fianco di un’altra statua alta di circa un metro del faraone Seti II, entrambi della XIX° dinastia. Questa doppia scoperta rende ancora più sensazionale questa scoperta.

L’enorme statua che raffigurava il faraone è fatta di quarzite ed è stata ritrovata «spezzata in grandi pezzi» . Del monumento di Ramses II sono emerse per ora solo parte della corona e della testa raffigurante anche un orecchio e un occhio. Del simulacro di Seti II che doveva essere stato scolpito a grandezza naturale invece sono stati rinvenuti solamente 80 centimetri.Lo riporta il sito Egypt Independent citando le parole del capo del Dipartimento antichità egiziane Mahmud Afifi.

Ramses II ritrovato
Ramses II, fu il terzo faraone della XIX dinastia dell’Egitto, che regnò dal 1279 al 1213 a.C. Fu un grande condottiero e si guadagnò la fama eterna per aver guidato moltissime campagne militari attraverso le quali l’impero egiziano espanse i suoi confini dalla Siria a est di Nubia, nel sud( l’attuale Sudan). La sua fama fu tale, che tra i successori si guadagnò l’appellativo di “Grande Antenato”.

Seti II (o Sethi II), è stato il quinto sovrano della XIX dinastia dell’Egitto e regnò dal c. 1200 aC al 1194 aC. Il suo nome per esteso, Userkheperure Setepenra, significa “potenti sono le manifestazioni del Re, il prescelto del Re. Era il figlio di Merneptah e Isinofret II e si sedette sul trono in un periodo noto per intrighi dinastici e regni brevi e il suo governo non fu diverso. Seti II ebbe a che fare con molte oscure trame di potere,segnatamente dovette affrontare l’ascensione al trono di un re rivale di nome Amenmesse, forse un fratellastro, che prese il controllo su Tebe e la Nubia in Egitto, durante il secondo quarto del suo regno. Comunque in base alle datazioni dei monumenti sembra che al termine del suo regno Seti II avesse recuperato il pieno controllo dell’Egitto. I dati a disposizione non ci permettono comunque di stabilire se vi fu una vera e propria guerra civile in quegli anni, o se si trattò di un confronto politico anche se è ragionevolmente accettabile supporre che Amenmesse non abbia mai avuto il controllo di tutto lo stato ma solamente quello dell’Alto Egitto.
Seti II regnò per sei anni.

Valentina Franci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com