Agrigento: ancora un morto tra comunità romena, è giallo

Agrigento sotto i riflettori mediatici,  per una nuova morte sospetta tra la comunità romena. Dopo il caso dei tre fratellini avvelenati a Naro,  infatti, uno dei quali è morto per gli effetti devastanti dei pesticidi contenuti nei cioccolatini, a perdere la vita è un 40enne di Campobello di Licata, un comune distante appena 13 kilometri da Naro.

Ad identificare il cadavere è stato un amico della vittima,  lo stesso che ne aveva già denunciato la scomparsa alla polizia di Canicatti (Ag), due giorni fa. I militari dell’Arma hanno ritrovato il corpo in contrada Fondachello.  Secondo gli inquirenti potrebbe esserci un legame tra i due omicidi, data la vicinanza dei due comuni e la nazionalità delle vittime coinvolte.

Ipotesi questa che però viene esclusa dalla  Procura.  Per i magistrati l’uomo assassinato, sarebbe arrivato a Campobello nei giorni successivi all’avvelenamento dei fratelli Lupescu. Un elemento che dunque farebbe cadere l’ipotesi di una vendetta; la famiglia Lupescu, interpellata dagli inquirenti, ha affermato di non conoscere il connazionale, giunto direttamente dalla Romania per lavorare in un’azienda agricola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com