Agguato Adinolfi, la rivendicazione della Cellula Olga

E’ stato rivendicato con un comunicato a firma Fai (Federazione anarchica informale)-Cellula Olga l’attentato al dirigente dell’Ansaldo, Roberto Adinolfi. Il volantino è stato recapitato al Corriere della Sera per posta ordinaria. Dal timbro postale si evince che la busta è stata inviata da Genova. Nel lungo testo  viene citata una frase di Adinolfi in cui il dirigente minimizza l’impatto ambientale del nucleare e la portata del disastro nucleare in Giappone di Fukushima. Il titolo della rivendicazione è Il marchio della vita. Nel testo si legge: “Abbiamo azzoppato Roberto Adinolfi, uno dei tanti stregoni dell’atomo dall’anima candida e dalla coscienza pulita”.

La Fai annuncia nuove azioni e, come scritto nella rivendicazione, potrebbero essere almeno otto, tante quanti sono i “membri prigionieri” della Ccf/Fai detenuti in Grecia. “Nelle nostre prossime azioni – dice il documento – il nome degli altri fratelli greci, una azione per ognuno di loro”.

La rivendicazione della Fai a Roberto Adinolfi è considera “attendibile” dalle forze dell’ordine che indagano sull’attentato al dirigente dell’Ansaldo. “Gli anarchici della Fai hanno alzato il tiro e deciso di abbracciare la lotta armata”, sostengono gli investigatori che ritengono “grave e preoccupante” questo “salto di qualita” dell’azione della Fai.

Circa redazione

Riprova

Pino Masciari presto in Calabria per una rivoluzione culturale al fianco di Luigi de Magistris

Gli Amici di Pino Masciari per la Calabria comunicano che l’imprenditore vibonese Giuseppe Masciari, storica …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com