Aereo Iran, Trudeau: “Senza l’escalation i 176 sarebbero vivi”

Le 176 persone morte nel 737 ucraino abbattuto mercoledi’ per errore dall’Iran, sarebbero vive senza la recente escalation di tensione nella regione alla quale Washington ha contribuito, ha detto il premier canadese Justin Trudeau in un’intervista alla televisione Global News. La comunita’ internazionale e’ stata “molto, molto chiara sulla necessita’ di avere un Iran libero dal nucleare” militarmente ma anche di “gestire le tensioni nella regione che sono causate anche dalle azioni degli Stati Uniti”, ha detto Trudeau.

“Credo che se non ci fossero state tensioni e la recente escalation nella regione, questi canadesi sarebbero a casa con le loro famiglie in questo momento”, ha aggiunto il premier, riferendosi ai 57 canadesi morti nell’incidente. L’Iran ha ammesso sabato di aver “erroneamente” abbattuto il Boeing 737-800 della Ukraine International Airlines poco dopo il suo decollo da Teheran mercoledi’. Teheran aveva dato la colpa della tragedia all'”avventurismo americano”. Trudeau ha anche detto che “ovviamente” avrebbe voluto un avvertimento anticipato da Washington dell’attacco dei droni che ha portato all’eliminazione del generale Soleimani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com