Aereo caduto nel Sinai, “trovati elementi non del velivolo”

“Elementi che non facevano parte dell’aereo” sono stati trovati sul luogo della tragedia e sono stati “inviati per essere esaminati”. A svelare un nuovo particolare sull’aereo russo precipitato in Egitto, che ha causato la morte di 224 persone, è una fonte citata dall’agenzia di notizie ‘Itar-Tass’. Ma non è tutto. Un satellite americano che si trovava sulla penisola del Sinai mentre precipitava l’aereo ha rilevato un lampo di calore, riferisce un funzionario americano, citato dalla Cnn, vicino alle indagini sulla tragedia.

Intelligence e militari Usa stanno esaminando i dati per stabilire se il bagliore sia avvenuto in aria o a terra. Gli analisti, si legge ancora sulla Cnn, sostengono che i lampi di calore possano essere riconducibili a diverse possibilità: il lancio di un missile, l’esplosione di una bomba, il malfunzionamento di un motore che genera un’esplosione, un problema strutturale che provoca un incendio o i resti che cadono a terra. Secondo altre fonti americane citate dall’Nbc, le immagini catturate dal satellite americano a infrarossi non sostengono la teoria secondo cui l’Airbus sia stato colpito da un missile. “Le speculazioni che l’aereo sia stato abbattuto da un missile sono fuori discussione”, ha detto una fonte.

Inoltre dalle registrazioni della cabina di pilotaggio invece sono emersi “suoni insoliti”, ma nessuna richiesta di soccorso. L’agenzia di notizie ‘Interfax’ ha visto una trascrizione delle registrazioni, da cui risulterebbe che, quattro minuti prima che l’Airbus sparisse dai radar, l’equipaggio ha sentito, per un colloquio di routine, i controllori del traffico aereo, ma senza segnalare niente di inusuale o oggetti vicino l’aereo. “Suoni insoliti sono stati registrati prima che l’aereo sparisse dai radar”, ha detto una fonte, precisando che l’equipaggio non ha mandato nessuna richiesta di aiuto. “A giudicare dalla registrazione – ha precisato la fonte – a bordo si è creata per l’equipaggio una situazione improvvisa e inaspettata e di conseguenza i piloti non sono riusciti a inviare un segnale di aiuto”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com