Addio all’editore Antonio Carrello, uno dei padri della cultura nazionale

 Lutto nel mondo dell’editoria. Dopo 40 anni dedicati alla cultura, è  morto l’editore calabrese Antonio Carello, fondatore 40 anni fa della casa editrice ‘Carello’, un laboratorio culturale che, partendo dalla Calabria, ha saputo collegare e mettere in rete varie capitali del mondo intero ed in particolare degli Stati Uniti dove ha collaborato con numerose università. Nata per raccontare la letteratura e la storia calabrese, la casa editrice si è via via trasformata e grazie alla genialità di Antonio Carello  è stata protagonista di appuntamenti che hanno lasciato un grande segno, come la kermesse “La Mamma”, nata negli anni ’80 e che nell’editoria nazionale ha il record di produzione di testi, racconti, poesie e arte figurativa sul ruolo della mamma, divenendo anche un premio internazionale.

Una delle iniziative recenti  è “Il Libro dei mesi”: un po’calendario, un po’  libro, un piccolo gadget culturale che ha inaugurato la sezione dei nuovi linguaggi. Il merito di Antonio Carello – papà del giornalista Rosario, conduttore della trasmissione “A Sua Immagine” su Rai Uno – è stato quello di aver saputo con intelligenza e creatività mettere in piedi un’impresa culturale nel Sud Italia e collegarla al mondo, e oggi la sua scomparsa è una grande perdita per l’imprenditoria e la cultura nazionale e in particolar modo calabrese”. Le esequie si tengono oggi a Squillace (Catanzaro) dove era nato 64 anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com