Addio al premio Nobel Renato Dulbecco

“Uno dei fautori delle prime cure contro i tumori, che ha scoperto per primo gli importanti segreti del Dna”. Cosi il genetista Giuseppe Novelli ricorda i meriti del premio Nobel Renato Dulbecco. “Dulbecco – ha aggiunto Novelli – ci ha fatto capire l’estrema individualità del genoma: nel Dna è scritta la nostra individualità alla risposta ai farmaci. In Italia è stato tra i primi a credere nel progetto genoma umano che ha condotto con il Cnr, dando un impulso enorme alle ricerche genetiche nel nostro Paese. Grazie a lui siamo considerati tra i migliori ricercatori al mondo”. Dulbecco, ha spiegato Paolo Vezzoni, uno dei suoi più stretti collaboratori al Cnr di Milano, è morto in California dove viveva con sua moglie. Fino a qualche mese fa le sue condizioni di salute erano buone ma nell’ultimo periodo aveva accusato alcuni problemi circolatori. Il prossimo 22 febbraio avrebbe compito 98 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com