Ad Amsterdam una scultura che mostra la nostra ossessione per gli smartphone

Viviamo in un’epoca in cui la maggior parte delle giornate sono trascorse in compagnia dei nostri cellulari, passando tra i post dei social ai vari messaggi. Si potrebbe credere che si tratti di un’attività intellettualmente stimolante, ma non è sempre così.

Sembra che preferiamo trascorrere il nostro tempo sui nostri telefonini piuttosto che conversare con i nostri cari. La nostra ossessione per la tecnologia, intesa come smartphone, pc, televisori e tutto quello che contengono, ci sta sfuggendo di mano e spesso influisce sul nostro rapporto con le persone che ci circondano, compresi familiari e amici.

Si tratta di una condizione relativamente nuova, oggetto di studio sia da parte di scienziati che di artisti contemporanei.

L’Amsterdam Light Festival è uno dei più grandi festival di luci in Europa, e si svolge ogni anno dal 2012

Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone

Durante il periodo invernale, artisti di tutto il mondo prendono parte al festival, creando installazioni luminose straordinarie che ispirano e illuminano sia i visitatori che i colleghi artisti.

Gali May Lucas è un’artista britannica e uno dei partecipanti al festival. Quest’anno, insieme alla scultrice Karoline Hinz, ha creato una serie di sculture che raffigurano delle persone concentrate sui loro telefoni cellulari e con i volti illuminati dai dispositivi stessi. L’installazione è intitolata “Absorbed by Light”.

Amsterdam Light Festival scultura di persone che guardano lo smartphone

L’artista spiega di aver voluto creare qualcosa in cui tutti potessero riconoscersi.

Andando in bicicletta al lavoro la mattina, vedo gente persa nella luce dei loro telefoni cellulari. Sulle panchine, sul tram, nei ristoranti, nessuno si parla più.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com