8 Marzo, Giornata Internazionale della donna. Cerimonia al Quirinale

Oggi 8 marzo si celebra la Giornata internazionale della donna. Tante le iniziative.

Al Quirinale una cerimonia, alla presenza del Presidente Sergio Mattarella e delle alte cariche dello Stato, tra le quali il premier Mario Draghi ed Elena Bonetti, ministra delle pari opportunità.

“E’ l’8 marzo. Sharon, Victoria, Roberta, Teodora, Sonia, Piera, Luljeta, Lidia, Clara, Deborah, Rossella Sono state uccise undici donne, in Italia, nei primi due mesi del nuovo anno. Sono state uccise per mano di chi aveva fatto loro credere, di amarle. Per mano di chi, semmai, avrebbe dovuto dedicarsi alla reciproca protezione. Ora siamo di fronte a una dodicesima uccisione: quella di Ilenia. L’anno passato le donne assassinate sono state settantatre. E’ un fenomeno impressionante, che scuote e interroga la coscienza del nostro Paese”, ha detto il presidente della Repubblica in occasione della Festa della donna.

Prima della cerimonia Mattarella premierà in collegamento video le scuole vincitrici del concorso “Con rispetto. Educando” promosso dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Tra le varie iniziative anche quella del Ministero dell’Economia e delle Finanze che partecipa alle iniziative della campagna #ChooseToChallenge (‘Scegli di sfidare’), promossa dal network di cooperazione e sensibilizzazione sui valori di parità di genere IWD (International Women’s Day), illuminando di viola (scelto quest’anno come simbolo cromatico di giustizia e dignità) la facciata del Palazzo delle Finanze in via XX Settembre per una settimana.

Intanto, rispondendo all’appello di ‘Non una di meno’, l’Unione Sindacale di Base ha proclamato lo sciopero generale per l’intera giornata di tutte le categorie pubbliche e private, con esclusione della scuola e del trasporto pubblico locale. In aggiunta agli appuntamenti organizzati in tutta Italia da Non Una di Meno, Usb ne organizza 4 direttamente collegati alle lotte e alle rivendicazioni delle donne nei posti di lavoro.

La vicepresidente americana Harris e la premier neozelandese Arden interverranno invece alla plenaria del Parlamento europeo.

Il 2020 è stato un anno terribile per le donne, per loro la pandemia ha avuto effetti ancora maggiori, con il crollo dell’occupazione e più femminicidi.

Secondo  i dati diffusi dall’Istat lo scorso mese,  a dicembre l’occupazione è tornata a diminuire, interrompendo il trend positivo che tra luglio e novembre aveva portato a un recupero di 220 mila occupati. Il calo occupazionale – scrive l’istituto – è concentrato sulle donne e coinvolge sia i dipendenti sia gli autonomi. Il mese di dicembre mostra, rispetto a novembre, una dinamica decisamente diversa tra donne e uomini con il tasso di occupazione che cala per le prime di 0,5 punti mentre cresce quello di inattivita’ (+0,4 punti). Per gli uomini l’l’occupazione e’ stabile e cala l’inattivita’ (-0,1 punti). Su base annua l’occupazione cala di 0,4 punti per gli uomini e 1,4 punti per le donne e l’inattivita’ cresce, seppur in maniera piu’ accentuata tra le donne (+2,0 punti contro l’aumento di +0,9 punti degli uomini).

Dati allarmanti anche per quanto riguarda la violenza sulle donne. Alcune delle quali costrette in casa – a causa dei vari lockdown – insieme a mariti e compagni violenti.

Circa Redazione

Riprova

Comuni siciliani nell’impossibilità di approvare i Bilanci di Previsione 2021-2023 a causa dei meccanismi relativi al computo del Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità

“Molti comuni siciliani, a causa dei meccanismi che presiedono al computo del Fondo Crediti di …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com