“50 giorni di cinema internazionale”: a Firenze un autunno ricco di film

Mancano tre giorni all’apertura della sesta edizione della “50 giorni di cinema internazionale a Firenze”, manifestazione che dal 2007 richiama ogni anno circa 50.000 appassionatissimi del genere. Si tratta della più lunga rassegna di festival al mondo: un autunno di qualità ricco di film, documentari, cortometraggi, incontri e dibattiti con gli autori, nata dal progetto di Mediateca Regionale Toscana Film Commission per Regione Toscana, in collaborazione con Provincia e Comune di Firenze. Numeri consistenti: nove festival in tutto a partire dal 25 ottobre finendo al 14 dicembre ed un totale di centocinquanta proiezioni nella “casa del cinema” al teatro Odeon a Piazza Strozzi; ad aprire la kermesse, quest’anno, un appuntamento speciale, nuovo, di grande rottura con la tradizione e di fenomenale impatto: “Florenze Queer Festival” il festival internazionale di cinema e arte a tematica LGBTI (lesbico, gay, bisex, trans, intersexual), occuperà tutta la prima settimana di questa 50 giorni, giunto al suo decimo anniversario e diretto da Bruno Casini e Roberta Vannucci. In questa edizione 2012 sarà possibile assistere all’anteprima europea di Out Loud di Samer Daboul, un film ambientato in Libano che sottolinea lo sforzo delle nuove generazione a favore dell’uguaglianza; Bourne’s Swan Lake 3D di Ross MacGibbon, una reinterpretazione del famoso “Lago dei cigni” tutta al maschile; documentari sul tema gay e cortometraggi (a proposito di corti, il Queer Festival propone anche un concorso per i trenta minuti sul mondo LGBTI migliori). Inaugurazione forte, questo è sicuro, l’occasione giusta per diffondere un messaggio di tolleranza e di apertura mentale verso quello che è tutt’ora un tema di difficile comprensione e accettazione attraverso l’arte del cinema, impegnato ma anche colorato e divertente, come appunto la cultura queer richiede. Non sono da meno i festival successivi a questo: dal 1 al 4 novembre “France Odeon”, alla sua quarta edizione è la manifestazione per gli appassionati di cinematografia francese; dal 10 al 17 novembre invece “Festival dei popoli”, una settimana storica (sono 53 le edizioni) che promuove il film documentario internazionale seguito immediatamente dalla “due giorni” di film etnomusicali; novembre si chiude con due festival: “Lo schermo dell’arte film festival” e “Balkan Florence Express”, rassegna di cinema dei Balcani occidentali. Dicembre viene inaugurato con il settimo dei nove appuntamenti, giunto alla sua 34esima edizione “Festival internazionale di cinema e donne” e prosegue, dal 7 al 13 con “River to River” la manifestazione che riguarda il cinema indiano, quest’anno ancora più sentita perchè festeggia il centenario ( il 21 aprile 1913 all’Olympia Theatre di Bombay fu proiettato il primo film indiano, Raja Harishchandra di Dadasaheb Phalke). Chiude la “50 giorni” il “Premio Nice Città di Firenze” il 14 dicembre che si terrà in una magica serata di gala e che premierà un film del nuovo cinema italiano, attribuito dal pubblico del Festival N.I.C.E. USA.

 Marzia Giardiello

 

Circa admin

Riprova

L’immagine oltre

Una riflessione sul mondo della videoarte a quasi sessant’anni dalla sua nascita, in un momento …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com