epa06395847 An undated handout photo made available by the Family of Rebecca Dykes via the British Foreign and Commonwealth office (FCO) showing Rebecca Dykes a programme and policy manager for the Department for International Development, at the British Embasy in Beruit, Lebanon. Media reports on 17 December 2017 state that Rebecca Dykes' body has been found on the side of a motorway in Beirut. Lebanese authorities are investigating the death and senior police sources have stated that she had been strangled. EPA/DYKES FAMILY VIA FCO / HANDOUT HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

BEIRUT. E’ stato arrestato la scorsa notte dalla polizia libanese un uomo sospettato di avere ucciso la diplomatica britannica Rebecca Dykes, il cui corpo era stato trovato sabato sul ciglio di un’autostrada a nord di Beirut. Lo riferiscono vari media libanesi, fornendo solo le iniziali dell’arrestato, T.H.

Da un primo esame medico è risultato che Rebecca Dykes, 30 anni, in servizio presso l’ambasciata britannica in Libano dal gennaio scorso, è stata strangolata con una corda. Non è per il momento confermata la notizia che sia stata anche violentata.

La donna era stata vista per l’ultima volta venerdì sera in un bar di Beirut mentre partecipava alla festa di addio di un’amica che lasciava il Libano. Dopo le 2 del mattino aveva lasciato il gruppo e sabato si sarebbe dovuta imbarcare per rientrare in Gran Bretagna per le feste natalizie. Ma di lei non si era più saputo nulla.

Gli investigatori confermano che stanno trattando il caso come un ‘crimine comune’ e non politico.

Siamo devastati dalla perdita della nostra amata Rebecca, scrive la famiglia in un comunicato.

Circa Redazione

Riprova

Russia: media, aperta indagine su parole di Navalny in radio

 Le forze dell’ordine stanno valutando se le osservazioni espresse da Alexei Navalny nel corso di …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com