Violazione della corrispondenza indirizzata al coniuge separato

Ennesima Sentenza della Suprema Corte
Commette il reato di violazione della corrispondenza, previsto dall’art. 616 del Codice Penale il coniuge che apre la posta indirizzata all’altro coniuge separato, che non abita più nella casa familiare.
(Corte di Cassazione, Quinta Sezione Penale, sentenza n. 18462 del 3 maggio 2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *