Trump tra impeachment e riforma fiscale

Su Donald Trump si sta scatenando la tempesta perfetta. Prima è venuta fuori la storia,  confermata dal diretto protagonista,  della trasmissione di notizie ‘top secret’ all’ambasciatore russo, Sergej Lavrov; lui ha risposto in tono autoritario, e con ragione,   perché è lui che toglie e mette la segretezza sulle informazioni riservate. Il fatto è che erano state trasmesse da una agenzia di uno stato estero e la cosa tira direttamente in ballo l’affidabilità di un partner che senza preoccuparsi degli eventuali rischi che può creare agli uomini ‘sul campo’.

Poi  viene fuori l’altra storia ancora più imbarazzante: le pressioni fatte sull’ex direttore dell’Fbi, James Comey, per bloccare le inchieste sull’ormai famoso Russiagate, cioè sui rapporti intrattenuti con Mosca da uomini dell’attuale amministrazione con emissari di Mosca. La risposta negativa di Comey avrebbe ‘motivato’ il presidente  a rimuoverlo.

Se ci sarà l’impeachment capiremo perfettamente in che misura i comportamenti del presidente americano siano stati ispirati dalla buona o dalla malafede, dalla possibilità di ottenere da Mosca un aiutino nella travolgente cavalcata verso la Casa Bianca o semplicemente dalla volontà, di ripristinare con il potente concorrente-partner relazioni più distese.

C’è poi il problema della riforma fiscale sbandierata ai quattro venti come una panacea per i cittadini americani e per l’economia. Ma non è così.

Il piano fiscale emanato con decreto presidenziale da Trump contiene riduzioni fiscali specifiche e abbondanti per le società ricche e redditizie e solo vaghe promesse per le famiglie lavoratrici. Anche tenendo conto della proposta di limitare la maggior parte delle deduzioni, il top 1% continuerebbe a ricevere tagli fiscali annuali medi di almeno 250 mila dollari per famiglia. Ma i tagli alle tasse alla sommità sarebbero ancora più grandi. Le prime 400 famiglie con il reddito più alto, i cui guadagni sono mediamente superiori ai 300 milioni di dollari all’anno otterrebbero tagli fiscali medi di almeno 15 milioni di dollari annuali. Questi tagli fiscali sarebbero cinque volte superiori ai guadagni di una vita di un tipico lavoratore con laurea. La riduzione totale delle imposte per queste 400 famiglie sarebbe di almeno 6 miliardi di dollari ogni anno.

Il piano di Trump ritiene che questi tagli fiscali per gli americani più redditizi abbiano la priorità su molti programmi che necessitano più risorse. Ad esempio, 6 miliardi di dollari è più di quanto il governo federale spende in sovvenzioni per i maggiori programmi di formazione di lavoro per aiutare le persone che lottano per la sopravvivenza nell’economia odierna. Un ulteriore investimento annuo di 6 miliardi di dollari potrebbe consentire a circa 1,5 milioni di adulti ogni anno di formarsi per una nuova carriera.

Inoltre, 6 miliardi di dollari è approssimativamente il costo per il mantenimento di 600.000 famiglie con basso reddito con voucher abitativo che li aiuterebbe a permettersi un alloggio decente e stabile. Questi investimenti aggiuntivi potrebbero favorire i senzatetto, le famiglie con bambini e le persone affette da malattie mentali o altre disabilità, ridurre l’instabilità abitativa tra questi e altri gruppi a rischio.

Tuttavia, lungi dall’investimento in queste aree, il presidente Trump ha proposto di tagliare notevolmente l’area di bilancio che finanzia la formazione professionale e i voucher abitativi, anche se il suo piano fiscale offre massicce riduzioni fiscali al vertice.

Le stime del Center for American Progress si basano sui tagli fiscali che i primi 400 riceveranno da due disposizioni del piano Trump: ridurre al 15% il tasso d’imposta sui redditi aziendali ‘pass-through’ (redditi da imprese come partnership, Corporations e proprietari individuali) e abrogazione della tassa Medicare del 3,8 per cento sui redditi da lavoro ricevuti da famiglie ad alto reddito.

I primi 400 segnalati hanno registrato una media di 37 milioni di dollari ciascuno nel reddito netto delle corporations e nel 2014 (l’ultimo anno per il quale questi dati sono disponibili).

L’aliquota fiscale sulla maggior parte di questo reddito sarebbe stata ridotta di quasi 25 punti percentuali nel piano di Trump, passando dal 39,6% al 15%. Di conseguenza, si stima che questi 400 avrebbero ottenuto una tassa di imposta di circa $9 milioni ciascuna su questo reddito rispetto alle loro aliquote fiscali correnti.

Inoltre, i primi 400 hanno ricevuto più di tre quarti del loro reddito nel 2014, circa 240 milioni di dollari a testa, da fonti ‘non acquisite’ come guadagni di capitale, dividendi e redditi da interessi fiscali. Le imposte sulla maggior parte di quei redditi sarebbero tagliate, abrogando l’imposta Medicare applicata sul guadagno ricavato da queste fonti“unearned” con entrate superiori a 250.000 dollari l’anno. Viene stimato che i primi 400 avrebbero ottenuto una tassa di imposta di quasi 7 milioni di dollari ciascuno, in media.

I primi 400 potrebbero ricevere tagli fiscali medi di almeno 15 milioni di dollari ogni anno da queste due disposizioni sopra citate (supponendo che abbiano livelli di reddito e fonti di reddito simili a quello del 2014). Questa stima probabilmente ridurrà notevolmente i tagli fiscali per i primi 400 perché copre solo due disposizioni che rappresentano circa un terzo del costo complessivo del piano fiscale di Trump.

La stima omette vari costi e proposte che potrebbero trarre vantaggio dai primi 400, tra cui il taglio dell’aliquota delle società per più della metà (dal 35 al 15 per cento), tagliando il tasso massimo sui salari e gli stipendi di quasi cinque punti percentuali (dal  39,6 al 35%) e abrogazione della tassa di proprietà sulla ricchezza ereditaria (che colpisce solo i più ricchi 2 su ogni 1.000 proprietari).

Mentre il piano fiscale di Trump mostrerebbe chiaramente i tagli delle imposte per i più ricchi, non fornisce dettagli su se o come aiuterà i lavoratori. Infatti, il piano non avrebbe fornito alcun beneficio fiscale per almeno 17 milioni di famiglie e individui che lavoravano, poiché non guadagnano abbastanza da dover pagare imposte sul reddito federale,  sebbene la maggior parte paga payroll e altre tasse.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *