Pena di morte per i gay in Brunei

La comunità gay del Brunei se fino ad oggi rischiava una condanna fino a dieci anni di carcere, dal prossimo 1° aprile entrerà in vigore la nuova legge basata sulla Sharia islamica che precede la pena di morte. Infatti,  secondo la nuova legge, ratificata dal sultano Hassanal Bolkiah, i gay e le lesbiche saranno saranno puniti con la flagellazione e con la pena di morte mediante lapidazione. La condanna verrà applicata anche nel caso  in cui l’omosessualità non venga  praticata. Il paese del sud-est asiatico si aggiunge così all’Iran ed all’ Arabia Saudita che prevedono la pena capitale che sarà prevista anche per le relazioni extraconiugali, mentre l’assunzione di alcool o l’aborto verranno puniti con la flagellazione. Era dal 1957 che la pena di morte non veniva più applicata nel Paese.

Circa redazione

Riprova

Tendenza meteo. L’aria fredda prova conquistare l’Europa meridionale in Marzo

1 – 7 marzo. La prima settimana del nuovo mese si apre con un graduale …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com